News
Newsletter Pro Loco
Iscrivetevi per essere sempre aggiornati sui corsi ed iniziative
Eventi, corsi, news Pro Loco


Ricevi HTML?
Grazie per la registrazione

Ricordi
Iscriviti
Diventa un nostro sostenitore



Seguici su Facebook

PostHeaderIcon Cardan e po pu


Cardan d'una volta

Cardan un teme l'era un paés;
quatar cà cun la linghera
e `l rest tutt cassin
cunt ul casott a fa da cess
e du lucai.

Sota vun ca faseva
da cusina e anca salott
(sa fa par dì)
al ciamavan la cà;
e da sura una stanza
par durmì al frecc
in sett o vott.

E peu ghera la stalla
cunt i besti
e da sura ul sitt dal fen
e sul mur i loeuv da furmentun
tacà su a secà e fa belezza.

E ados al mur una scaletta
par andà su a ciapà `l fen
e pugià al mur magari
una veggia bicicletta.
Peu andavan in campagna
a tajà `l gran cun la misuria
i scigull e i pomm da tera
e i verz ca metevan là
tacà al murett a sbiancà.

Che per ogni tant
la muriva
`na quai bela verza bianca
dent in dal padelott
cui puntin e la luganiga.

E s'impienivan fieu e grand
cunt la cazzeula
intant che i vecc da cà
ta cuntavan su na quai panzaniga.







MARIA CLERICI BOSSI

L'Arneta dal punt da Cardan

Arnéta, Arnéta bela da la me infanzia
ma sa faseva minga vuret ben?
Te vegnevat da Punt da la Lumbarda
cun su quatar ramett da salice piangent;
te curevat da giardinûn
di Sartori e Sirun
quataà da pacialacc, reus a mazett
e serenell
e tûcc i fiur sa spegiavan
in la to aqua ciara:
ti te ridevat a saludaj e te scapavat.
Te scapavat sota a l'altar Punt
e te spuntavat da là
in mez a l'erba, i margheritt e i girasù.
E te curevat, te cantavat,
te curevat, te cantavat,
e i machinett dal Bonicalzi
ci-cich ci-cech, ci-cich ci-cech,
ta fasevan da cuntralto.

Certi dì ai quatr'ur
rivava i fieu da scola:
i strepavan i paginett,
ai fasevan i barchett,
ta ja butavan dentar,
po i pugiavan i manitt sul punt
e i a guardavan navità luntan
luntan fin ca sa vedevan pü.

 

 
Dré sira, se fermavat un mument
sota i finestar di Rigôli:
che bun, che bun,
l'udur dal minestrun di puaritt:
verz e patati, faseu, quatr'erburin
na fresa d'aj, basilic, erba savia,
`na pestàa da lard
e `na brancàa da ris;
che bun, ma ta piaseva l'udur dal
minestrun!
A la sira te gudevat 1'alegria
di oman da l'usteria
ca cantavan "la Viuleta".

Pö, quand vegneva nott
e tücc durmivan, te se sentivat pü
tant ca te `ndavat pian
e sa saltava su a cantà un grill
o un sciatt:
- Sss, citu citu,
si minga dré a dà fora da matt?






AMELIA ROSSI VERMELLINO
Quand ca seri piscinen
e andea ancamò al asili
ghera lì a mi visin
la baraca dul Basili. (1)

L’era propi un tok d’as
tegnü sü cui cavalét
in manera c’al furmas
una specie da banchét.

L’era in via Umberto Prim (2)
contra ‘l mür dul Masinèl (3);
tüt i rop ai so pü esprim:
ghera sü un gran rabèl!

Ghera ul zücur fai a balit
ligürizia, i türon,
ul giüs negar, i mentit,
ciuculat culur maron.

Gheran cik e brüt e bon,
tira e mola e i binis;
insci piena da bumbon
l’era un tok de paradis!

Cun cink ghèi, ma vegn in ment,
al ma dea tre caramei,
ma, pürtropp, in quì mument
mi gavevi nanca quei. Quand che mi pasèa danànz
ma ferméa lì a guarda,
ma duea tira innanz
parchè nient pudea cumpra.
I me noni in qual temp là
a m’an dai un purtaföi
ma però, cuma sa sa,
l’era propri sempar vöi.

Anca ves un po’ cuntent
a le brüta la miseria;
tirà innanz in qui mument
l’era roba propri seria.

Mo co fai ‘n pusiziön,
e ma mancan no i dané,
a ma vegn qui tentazion,
ma ma tuca resta in dré.

Ai vedrin cunti i bumbön
mi ma fermi lì dananz
e ma vegn un gros magön
mama ruca tirà innanz.

E, par via del’età
dul infarto e oltar bai
a ma tuca digiüna;
e l’è düra a supurta!!

Quan ca pensi al me duman
quai pruerbi al ma cunvenc:
“chi ga i denc a ga no ul pan,
chi ga ul pan al ga no i denc”.


MARA


- 1 - caratteristico venditore di dolciumi.
- 2 - attuale via Mameli.
- 3 - contro il muro dell’osteria di proprietà del rivenditore di vini di nome “Masinel”. Osteria che è ancora in funzione.

 

Quand ca seri piscinen
a Cardan ghe stai un dutur;
mi al ricordi cun amur
e al senti a mi visen.

Usuelli da cugnom.
Tüt ul dì cum gran pasion
al fasea la prufesion.
L’era propi un gran bon om!

Anca in festa e da noc
l’era sempar lì impalo;
par cürà i so malo
l’era teme un ureloc.

Lü al girea in bicicleta
sia cun l’afa o cun la nev,
par purtà ul so suliev
sia al sciur che a la duneta.



L’era teme a vegh un pa,
un fradel, un vero amis,
cul so fa, cul so suris
sempar pront a cunsula.

Stamattina tüt d’un trat,
quand ca seri lì al camp sant,
su la tomba, lì davant
ho rivist ul so ritrat.

Me gnü in ment da tüt ul ben
ca la fai ai cardanes
e cui fiöd un po’ suspes
sum fermo un mumenten.

E a pensa a qual om da fer,
sempar giust in di so azion,
me gnü dos la cummuzion
e par lü ho di un pater.

MARA

* Medico condotto a Cardano per moltissimi anni.

L'Ottocento a Cardano

L'ottocento è un periodo denso di avvenimenti, la meteora di Napoleone che in breve tempo sconvolge le amministrazioni esistenti creandone di nuove, il ritorno dell'Austria, la Carboneria, la Giovane Italia, i moti insurrezionali che sfociano nella proclamazione del Regno.
Sono fatti che tutti conoscono, ci limiteremo perciò ad esporre i vari cambiamenti amministrativi avvenuti.
Ci saranno alcune notizie di Cardano nel 1807 seguite dalla suddivisione del territorio in relazione al tipo di coltura.
Vedremo anche la "Tavola dei prezzi venali" del triennio 1823-1825
Per quanto concerne l'anagrafe come è già stato detto l'abbiamo omessa poichè l'archivio comunale può soddisfare ogni esigenza.
Non trascureremo comunque di dare l'elenco dei possessori del territorio raggruppati per cognome.
Vi è anche una supplica particolare in cui vediamo il desiderio dei cardanesi di ritornare ad essere autonomi. Siamo nel 1816 ed il paese era stato unito a Gallarate. Quel desiderio ha anche un interesse particolare ed egoistico, ma è pur sempre comprensibilissimo.
Cominciamo dunque dai comparti territoriali.

I comparti territoriali

Anticamente il Ducato di Milano era suddiviso in Pievi.

- Con Editto del 10 giugno 1757 Maria Teresa d'Austria variava il numero delle Pievi riducendole a 64.
La 18a era quella di Gallarate che comprendeva i seguenti paesi: Albizzate, Arnate, Besnate, Bolladello, Busto Arsizio, Caiello, Cardano, Cassano Magnago, con Cassina Verghera, Cedrate, Crenna, Ferno, Gallarate, Jerago, Oggiona con Santo Stefano, Orago con Cavaria, Peveranza, Premezzo, Samarate con Cascina Costa, Solbiate.

- Con Decreto n. 46 Napoleone il giorno 8 gugno 1805, divideva il territorio del "Regno Italico" in 14 Dipartimenti.
Come in Francia i dipartimenti prendevano il nome da corsi d'acqua o da laghi.
A loro volta erano suddivisi in Distretti, i distretti in Cantoni che erano formati da un gruppo di comuni limitrofi.
A capo del dipartimento vi era un prefetto coadiuvato da un consiglio di prefettura (tre membri nei dipartimenti dell'Adda, Adige, Crostolo, Panaro, e 4 membri negli altri dieci) e dal consiglio generale (40 membri nei dipartimenti dell'Agogna, Alto Po, Mella, Olona, Reno e 30 membri in quelli dell'Adda, Adige, Basso Po, Crostolo, Lario, Mincio, Panaro, Rubicone e Serio).
A capo del distretto vi era un vice-prefetto coadiuvato dal consiglio distrettuale formato da 11 membri.
In ogni Cantone vi era un Giudice di pace ed un Cancelliere del censo.
I comuni si dividevano in tre classi:
la classe, quelli con più di 10.000 abitanti;
2a classe, da più di 3.000 a 10.000 abitanti;
3a classe, fino a 3.000 abitanti.
In ogni comune vi era un Consiglio comunale con 40-30-15 membri a seconda della classe di appartenenza, ed una Municipalità così formata:
- Podestà e 6 Savi nei comuni di prima classe,
- Podestà e 4 Savi nei comuni di seconda classe,
- Sindaco e due Anziani nei comuni di terza classe.
Il Dipartimento dell'Olona era diviso in 4 Distretti:
Milano, Pavia, Monza e Gallarate.
Il 4° distretto, quello di Gallarate, era diviso in 5 Cantoni:
Gallarate, Saronno, Cuggiono, Legnano, Somma.
Cardano faceva parte perciò del Dipartimento dell'Olona, 4° distretto, 1 ° Cantone assieme alle seguenti località:
Albizzate, Arnate, Besnate, Bolladello, Busto Arsizio, Caiello, Cassano Magnago, Cassina Verghera, Cedrate, Crenna, Ferno, Gallarate, lerago, Oggiona con Santo Stefano, Orago con Cavaria, Peveranza, Premezzo, Samarate con Cascina Costa, Solbiate.

- Con il ritorno degli austriaci Francesco 1 ° con legge 23 del 12 febbraio 1816 entrata in vigore il 1° maggio divise il territorio del Regno Lombardo-Veneto in province, e le province in distretti.
La provincia di Milano venne divisa in 16 distretti, il 13° cm quello di Gallarate formato da 19 paesi.
Questi sono gli stessi ' che' componevano la Pieve di Gallarate al tempo di Maria Teresa, unica esclusione quella di Busto Arsizio.

- Con sovrana risoluzione del 28 gennaio 1853, atti di Governo p.151 del 23 giugno 1853 i distretti della provincia di Milano vennero ridotti a 14 (erano 16), quello di Gallarate fu il 12° (era il 13°).
Con questa risoluzione l'intero territorio della Lombardia venne ripartito in 9 province:
Milano, Bergamo, Brescia, Mantova, Cremona, Como, Lodi e Crema, Pavia, Sondrio.
In questo periodo il totale dei distretti lombardi era di 102 e quello dei comuni 2109.

- Vittorio Emanuele II in virtù della legge 25 aprile 1859 fece una ulteriore suddivisione:
le province non furono più suddivise in distretti, ma in Circondari, ed i circondari a loro volta furono suddivisi in Mandamenti che raggruppavano diversi comuni limitrofi.
La provincia di Milano venne divisa in 5 Circondari che a loro volta erano composti dai 498 comuni raggruppati in 39 Mandamenti.
Cardano fece parte del 4° Circondario nel Mandamento di Gallarate assieme ad altre 18 localita'.
Questa suddivisione la ricorderanno anche i piu' anziani.

E' stata forse una lunga disquisizione, un lungo elenco che si deve conoscere per poter consultare i documenti catastali nei relativi periodi.

La relazione del sindaco Quadrio
15 Luglio 1807


Rispondendo a ben precise domande il sindaco di Cardano Quadrio (non viene precisato il nome) ci fornisce notizie sul paese.
15 luglio 1807 - Dipartimento d'Olona - Distretto 4° di Gallarate, Cantone 1 ° - Comune di Cardano, 3a classe.
1804: maschi nati 24 - morti 16 - femmine nate 25 - morte 21 - matrimoni 27
1805: maschi nati 23 - morti 9 - femmine nate 32 - morte 20 - matrimoni 39
1806: maschi nati 33 - morti 14 - femmine nate 30 - morte 23 - matrimoni 18.

Specie di grani più coltivati a Cardano: Frumento, segale, formentone, miglio.
Il prodotto dei grani non basta ai bisogni della popolazione, eccedono moggia 40 di frumento che si vendono per acquistare formentone e miglio che sono mancanti.
Coltivansi viti, gelsi, e boschi.
Questi ultimi per ottenere legname e pali da vite.
Non tutto il terreno del comune è coltivato, vi sono circa 4000 pertiche di brughiera che servono d'ingrasso per i fondi.
Animali esistenti: 5 pecore, 89 vacche, 121 bovi, 1 cavallo.
Ed è un numero che non basta ai bisogni del comune, perciò ci si deve provvedere sul mercato di Gallarate e sopra le fiere e mercati dei paesi limitrofi.
A Lugano ogni anno si acquistano circa 50 capi l'anno.
I principali rami d'industria di Cardano sono filare e lavorare cotone per fare fustagno, bombasina, fustagnone e tarliso.
Il tutto si produce per uso dei mercanti di Gallarate e Busto Arsizio.
In questa industria che ha per oggetto prodotti per vestirsi e "fuodere" per letto (lenzuola) sono impiegati circa 100 persone che però lavorano solo d'inverno per soldi 25 di Milano al giorno.
Negli ultimi 3 anni sono morti in questa industria 6 operai.
In questo comune non si fanno mercati.
Stabilimenti di beneficenza vi è la Causa Pia Puricelli che distribuisce circa lire 1.300 all'anno ai bisognosi ed agli infermi del comune.
Vi è la Corporazione religiosa dei Mendicanti Cappuccini, undici sacerdoti, quattro laici ed un terziario.
Il reddito fisso annuo del parroco è di lire 849 soldi 14 e denari 6 al quale si devono aggiungere altre lire 372 per un totale di lire 1.221; soldi 14 e denari 6.
Quello del coadiutore titolare ammonta a lire 1.098 a cui si devono aggiungere altre lire 100 per un totale di lire 1.198.

Il documento si trova presso Archivio di Stato di Milano, Fondo Studi, cartella 1168.

 

Cardano chiede di essere staccato da Gallarate
1816


Il Comune di Cardano da pochi anni era stato unito dai francesi a quello di Gallarate.
L'unione non era gradita per motivi sia di autonomia che economici.
I cardanesi che già avevano rivolto una supplica ai francesi per essere staccati, non avendo ottenuto nulla si rivolgono ora, al ritorno degli austriaci, al Regio Consiglio di Governo.

Il documento è chiaro e non necessita di ulteriori chiarimenti, lo trascriviamo.

"4 febbraio 1816 Cesareo Regio Consiglio di Governo, In conseguenza delle superiori determinazioni del cessato Governo Francese la comune di Cardano venne aggregata per gli oggetti amministrativi a quella denominativa di Gallarate.
Persuasi gli abitanti di questa comune, in un ai possessori, che siffatta aggregazione doveva riuscire dannevole per il loro interesse, ebbero ricorso per esonerarsi dalla ordinata aggregazione non senza aver omesso di esporre le ragioni inducenti alla domanda ma i loro riclami non vennero ascoltati.
Ritornato il già da molto tempo desiderato Governo Austriaco e non potendo i possessori e personalisti della detta comune di Cardano più oltre soportare i pesi che giornalmente sono costretti a sostenere per supplire alle grandiose spese che incombono alla comune denominativa si sono determinati di avvanzare al prelodato Cesareo Regio Consiglio di Governo questo nuovo loro riclamo all'effetto di ottenere il desiderato provvedimento, cioè che la comune di Cardano abbia ad essere distaccata dalla concentrazione di Gallarate e possa quindi amministrare da sè i redditi appartenenti alla medesima, e così tolto l'obbligo di dover concorrere al pagamento dei vistosi salari per l'amministrazione municipale, alle spese di adattamenti delle strade locali e simili, la maggior parte delle quali sono appartenenti alla sola comune di Gallarate, quando in passato la comune di Cardano con pochissimo aggravio senza intaccare di troppo l'estimo censuario amministrandosi da sè otteneva il consentaneo effetto colla piena soddisfazione del popolo.

Ricorrono quindi i sottoscritti principali possessori implorando dalla saviezza del Cesareo Regio Consiglio di Governo il favorevole dispaccio di annuenza alla giusta domanda del popolo di Cardano di essere distaccato da Gallarate. Il che spera, etcetera.

Carlo Giuseppe Palazzi, agente pel signor dottor Luigi Perego di Magnago, primo estimato,
Giovanni Zocchi, uno dei maggiori estimati di detta comune,
Angiolo Maria Moroso, fitabile del signor don Francesco Cacia di Novara,
Rodolfo Vanotti, estimato, Isidoro Aspesi, estimato,
Luigi Palazzi, estimato,
Francesco Rigolio, estimato,
Pietro Luigi Mari, estimato,
Ermenegildo Biganzolo, estimato,
Fedele Ceruti, estimato,
Clemente Aspesi, estimato,
Angelo Ceruti, possessore,
Luca Vanotti, possessore,
Filippo Palazzo, possessore,
Giacomo lametti, estimato,
Pietro Antonio Prada
Giuseppe Puricelli Guerra, possidente,
Domenico Mazzucchelli, anche a nome del fratello sacerdote Pietro, possidenti".
Sul retro del documento si legge:
"I principali possessori di Cardano espongono i motivi per cui implorano di essere distaccati dalla comune di Gallarate ed amministrati da sè, massime per le grandiose spese cui ora vanno soggetti".
Ed ancora: "Cesareo Regio Consiglio di Governo Supplica delli principali possessori di Cardano con cui implorano d'essere distaccati dalla Comune di Gallarate ed amministrari da se per i motivi cui entro".
Archivio di Stato di Milano, Fondo Censo, parte moderna, cartella 1086.

Frumento alla soma lire 13,00 allo staio lire 2,38
Segale alla soma lire 8,50 allo stajo lire 1,55
Granoturco alla soma lire 7,75 allo stajo lire 1,42
Cinquantino alla soma lire 6,20 allo stajo 1,13
Uva di 1° qualità al quintale lire 8,50 al fascio lire 6,48
Uva di 2° qualità al quintale 6,00 al fascio 4,57
Fieno al quintale 3,80 al fascio 2,90
Erica o brugo al quintale lire 0,60 al fascio 0,46
Legna da fuoco forte al quintale lire 1,70 al fascio lire 1,30
Legna da fuoco dolce al quintale lire 1,10 /td> al fascio lire 0,84
Legna da fuoco mista al quintale lire 1,30 al fascio lire 0,99
Fascine di castano e dolci al quintale lire 1,10 al fascio lire 0,84
Vimini o stroppe per legame al quintale lire 4,90 al fascio lire 3,74
Legna resinosa forte al quintale lire 0,60 al fascio lire 0,46
Concime ordinario al metro cubo lire 3,20 al quadretto 0,67
Pali di castano del 0 cm. 6   al centinaio numerale 6,75
Pali di castano del 0 cm. 4   al centinaio numerale 4,00
Pali di robinie del 0 cm. 7   al centinaio numerale 3,40
Pali di robinie del 0 cm. 5   al centinaio numerale 2,00
Pali misti del 0 cm. 6,5 (legna forte e dolce)   al centinaio numerale 5,07
Pali misti di legna forte e dolce del 0 di cm. 4,5   al centinaio numerale 3,00
Maglioli   Maglioli
Giornata di carro con 2 buoi   cadauna 5,00
Giornata di un carretto con un cavallo   cadauna 2,60
Giornata da uomo per il taglio del fieno   cadauna 1,80
Giornata da donna per lavorare il fieno   cadauna 0,80
Giornata d'estate da uomo   cadauna 1,40
Giornata d'estate da donna   cadauna 0,60
Giornata d'inverno da uomo   cadauna 0,80
Giornata d'inverno da donna   cadauna 0,40


Per una maggior comprensione delle misure agrarie è necessario dare le corrispondenze.

- Il peso dei grani è espresso in staia milanesi, ogni staio corrisponde a litri 18,27.
La soma corrisponde a 9 staia.

- L'uva, il fieno, la legna ed il brugo sono già espressi in quintali, nell'uso locale erano espressi in fasci.
Un fascio milanese corrisponde a kg. 76,25.

- Il concime è già espresso in metri cubi, nell'uso locale invece si misurava in quadretti cubi.
Un quadretto cubo corrisponde a metri cubi 0,210577.

Archivio di Stato di Milano, Fondo Catasto, cartella 9093.

Prospetto di classificazione
delle maggiori qualita' dei terreni


La prima considerazione da farsi è che questa volta l'unità di misura non è più la pertica milanese, ma quella metrica.
Se applichiamo il rapporto usato (0,6545) vediamo che le 9065,32 pertiche metriche del 1864 corrispondono a pertiche milanesi 13.851.
E' posi bile fare un ra onto nel tempo:
- dal 1558 al 1722 il territorio ha avuto un aumento di pertiche milanesi 465 (da 13:681a14.147).
- dal 1722 al 1862 vi è una diminuzione di pertiche milanesi 296 (da 14147passa a 13.851).
L'unica spiegazione, se non ci sono stati errori, è la correzione dei confini tra paesi limitrofi.
I raffronti tra i vari tipi di coltura ci dicono degli sforzi fatti dai contadini per trasformare in aratori terreni che non lo erano.
Riportiamo un sunto, usando gli stessi termini quando è possibile, del prospetto di classificazione dei terreni.

• Aratori
- Sono stati suddivisi in 4 classi in ragione della loro fertilità.
- Prima Classe, vi appartengono i terreni argillosi misti di silice con mediocre quantità di terriccio ed uno strato di coltura a mediocre profondità con fondo ghiaioso.
Vi si coltivano frumento segale e granoturco.
- Seconda classe, terreno argilloso-sabbioso con minor quantità di terriccio e minor strato di coltura su fondo ghiaioso. È atto alla coltura della segale.
- Terza classe, terreno sabbioso con poca argilla, tendente al littoso sopra fondo ghiaioso.
Vi si semina segale e granoturco con scarso rendimento.
- Quarta classe, terreno sabbioso con pochissima terra, segale e granoturco danno scarsissino prodotto.

• Aratorio vitato
- In relazione alla diversa fertilità questo tipo di terreno è stato diviso in tre classi.
Quanto alla natura del terreno è la stessa delle classi corrispondenti sopra esposte negli aratori semplici.
L'uva ottenuta è di qualità scadente e non commerciabile.
Si ottengono ogni anno da ciascuna pertica:
Classe prima libbre 20
Classe seconda libbre 15 Classe terza libbre 12

• Prati
- Sono considerati di prima classe quelli in cui avvengono tre tagli di fieno ogni anno e che rendono per ciascuna pertica fasci 2 e un quarto.
Quelli di seconda classe si falciano due sole volte l'anno e rendono fasci di fieno 1 e tre questi ogni pertica annualmente.

• Boschi castanili da taglio
- Sono posti lontano dal paese e non sono di facile accesso.
La vegetazione è piuttosto lenta e stentata.
Si tagliano ogni 10 anni ricavando pali, maneggi e gascine per un totale di fasci 5 ogni pertica nella prima classe e di fasci 3 e mezzo in quelli di seconda classe.

• Boschi cedui dolci
- Sono quasi tutti di robinie che si tagliano ogni 4 anni e rendono fasci 5 di legna ogni pertica.

• Boschi cedui misti
- Vengono tagliati ogni 8 anni ottenendo fasci 5 per ogni pertica di legna di robinie, castano e poca rovere.

• Brughiere
- Il terreno è composto di silice e poca argilla forzante uno strato superficiale di terra che non mantiene l'umidità della pioggia.
Per questo motivo non vi germoglia che l'erica, ossia brugo, che viene tagliato ogni 4 anni ottenendo da ogni taglio fasci 3 di brugo per ogni pertica.

• Brughiere boscate miste
- Il loro terreno ha una parte maggiore di terriccio delle brughiere nude e pertanto vi cresce oltre l'erica anche robinia e castani.
Si tagliano ogni 5 anni ottenendo due fasci di legna ed un fascio e mezzo di brugo in ogni pertica.

• Boschi resinosi
- Sorgono tra le brughiere ed i boschi castanili da taglio.
Le piante si considerano mature dopo 40 anni, vengono però sfrondate ogni tre o quattro anni col doppio scopo di ottenere legna da fuoco e di far prosperare ed innalzare la pianta rimasta che poi verrà impiegata come legname da fabbrica.

Le notizie sono state fornite dalla Delegazione Censuaria di Cardano composta da Ercole Aspesi e Giuseppe Bellora il 6 maggio 1858.

Per terminare diamo le necessarie corrispondenze:
Libbra grossa = Kg. 0,762517
Fascio milanese = Kg. 76,251714

Archivio di Stato di Milano, Fondo Catasto, Cartella 9093. 

Considerazioni

Oggetto di questa breve ricerca era il territorio di Cardano.
E' questo il motivo per il quale vi sono numerose tabelle relative ai terreni, ai possessori e naturalmente anche agli abitanti che su questo territorio hanno vissuto.
Per rompere un pochino l'aridità dell'argomento (importante ma arido) abbiamo voluto inserire alcune vicende che su questo territorio sono avvenute, lontane vicende e forse non da tutti conosciute.

Sono gli echi di una storia delle lotte quotidiane di chi ci ha preceduto: lotte impari contro chi deteneva il potere, oppressione di eserciti stranieri che con prepotenza sottraevano il frutto delle fatiche dei contadini, quando non distruggevano e saccheggiavano per solo gusto malvagio.
Lotte impari contro il tempo inclemente (alluvioni e siccità) che in un attimo distruggeva il lavoro di una stagione.
Lotte impari contro la carestia e la pestilenza.
E, come i polli di Renzo, a volte purtroppo liti e scontri tra gli stessi abitanti di opinione diversa.
Lotte tra contadini, coloni, mezzadri con la grande proprietà terriera che imponeva contratti agrari capestro.
Lotte degli stessi amministratori comunali con i legislatori che da Milano inviavano ordini ed imponevano tasse ed imposte in ogni angolo del ducato.
Ed a Cardano non basta la peste, la carestia, l e invasioni dei francesi nel 1636, quella dei tedeschi nel 1706, quella degli spagnoli nel 1746, ma arrivano i proprietari terrieri a togliere le brughiere alle classi più deboli.
Ed anche in un fatto semplice, ed ordinario come la recinzione di un nuovo camposanto contrasti, liti, (vedi quaderni Pro Loco, n. 4 - Il settecento a Cardano) contese: il risultato lo abbiamo visto, l'appaltatore fallito ed il sindaco Francesco Aspesi che deve lasciare il suo paese e rifugiarsi all'estero.

Sono pagine di storia intercalate ad uno studio sul territorio, sono attimi della vita che fu, azioni ormai scomparse nela nebbia del tempo: sono lamenti, invocazioni, ribellioni.
Sono parte dei sentimenti che hanno provato gli avi in attimi ormai lontani e che le antiche carte ancora sprigionano.
Sta a noi raccoglierli o ignorarli, sta alla nostra sensibilità, al nostro desiderio di conoscere cosa è accaduto prima di noi nel paese in cui siamo nati o che ci ospita, provare interesse od indifferenza.

Noi abbiamo voluto solo esporre un campione di quello che gli archivi celano, abbiamo riposto quelle carte al loro posto, ma speriamo che presto mani amorose le riprendano prima che la polvere le renda inutili.

L'economia a meta' settecento
ripresa e riforme


Nella seconda metà dal Settecento l'Italia partecipa alla ripresa economica che si registra in tutta Europa, e che favorisce la fioritura di un vivace dibattito su tre principali argomenti:
la riorganizzazione dei catasti, la liberalizzazione del commercio del grano,
la soppressione delle corporazioni.

In tali ambiti lo "spirito nuovo" produce risultati più o meno concreti e non sempre duraturi, che oggi possiamo analizzare anche grazie ai numerosi studi condotti, in molte regioni, proprio su questo periodo della nostra storia.

Per quanto riguarda l'Italia, si può dire che i primi decenni del secolo XVIII sono il periodo in cui essa era discesa più in basso, in una condizione di inferiorità sensibile, sia in confronto dei secoli precedenti, sia in confronto degli altri Stati di Europa.

Con la seconda metà, invece, comincia il movimento di risollevamento.
Non è un fenomeno soltanto italiano: è un fenomeno europeo, e si può dire anche, in un certo senso, mondiale.

Fenomeno che si manifesta nell'interessamento largamente diffuso per l'agricoltura, che culmina nell'opera dei fisiocratici, ma che si diffonde un po' in tutta l'alta società di quell'epoca; nello sviluppo notevolissimo dei commerci interoceanici, che non sono più soltanto commerci di qualità, di poche merci di alto valore e di scarso volume, ma si estende anche a merci più voluminose e di minor valore.

E' il periodo in cui specialmente il commercio fra le due sponde dell'Atlantico si fa enormemente più intenso, ed è prevalentemente un commercio di materie prime e di derrate alimentari dall'America verso l'Europa, di prodotti finiti ed anche di particolari derrate alimentari dall'Europa verso l'America.

E' un periodo in cui questa forte ripresa di attività è incoraggiata anche da un'ascesa dei prezzi che si è potuta constatare un po' dappertutto e che si protrae, dal terzo e quarto decennio del secolo, fino alla vigilia della Rivoluzione francese, e dopo una breve sosta riprende e si protrae fino al 1816.

A questo movimento di ascesa, che trova la sua massima espressione nella rivoluzione agraria dapprima e poi nella rivoluzione industriale in Inghilterra, si accompagna un movimento delle idee sociali ed economiche, che è particolarmente vivace in Francia e in Gran Bretagna, ma si ripercuote anche fra noi.

In Italia, l'interessamento per i problemi economici e sociali si manifesta soprattutto in tre centri: a Milano, a Firenze, a Napoli.
Ma il movimento poi si estende anche in maniera più larga e più concreta nel sorgere di accademie o di società di agricoltura.

La più famosa di tutte è l'Accademia dei Georgofili, ma ve ne sono molte altre in tutti i maggiori centri italiani, che si sforzano di allontanarsi dal tipo delle vecchie accademie, le quali trattavano problemi puramente teorici, ma anzi esageravano, molte volte, nella concretezza, nello studiare problemi concreti, molto particolari, di determinati rami dell'agricoltura.

Nelle accademie e anche fuori di esse lo spirito nuovo si manifesta soprattutto in tre campi:
nella perequazione tributaria, per cui si promuove la rinnovazione dei catasti, che ha le sue massime espressioni in Piemonte, in Lombardia e, meno decisamente, nell'Italia meridionale coi cosiddetti catasti onciari;
nella campagna per la libertà del commercio dei grani e per la soppressione delle dogane interne;
nel movimento per la soppressione delle corporazioni, che però in molti Stati si limita all'invocazione dell'apertura delle corporazioni stesse, per togliere ad esse il carattere di corpi chiusi, dove essenzialmente il titolo di maestro ed i diritti che ne derivano si trasmettono per lo più da padre in figlio, oppure a parenti o estranei scelti dal maestro.

Di questi movimenti, la maggiore attenzione è stata rivolta dagli studiosi dell'economia, ed in particolare dell'agricoltura, al famoso catasto di Maria Teresa, attuato da Pompeo Neri, per la Lombardia;
e uomini come Carlo Cattaneo che non erano certo dei fantastici o degli esagerati, attribuivano gran parte del merito dei grandi progressi fatti dall'agricoltura lombarda dopo il 1760, precisamente al catasto di Maria Teresa.

Questo catasto, per il quale i lavori erano cominciati al tempo di Carlo VI, all'inizio del dominio austriaco in Lombardia, nel 1718, era stato interrotto dallo scoppio della guerra di successione d'Austria e, ripreso nel '49, era stato ultimato nel 1760.
I meriti attribuiti al catasto sono rappresentati, soprattutto, dal fatto che per esso si soppressero completamente le esenzioni e il carattere personale dell'imposta.

Tutte le terre furono misurate e valutate, indipendentemente dalla persona che ne era il proprietario o il possessore.

Di più, siccome si stabilì che l'imponibile, e conseguentemente l'imposta, non potevano essere variati se non con la rinnovazione del catasto, che per la misurazione e la descrizione geometrica dei terreni con tutte le colture che sono sopra di essi, con la valutazione del reddito, è operazione assai laboriosa, che non può essere compiuta in meno di dieci o dodici anni, ne derivava che il proprietario era sicuro che non gli sarebbero state aumentate le imposte anche se il reddito della terra fosse sensibilmente aumentato.

Quindi questa determinazione precisa, impersonale e senza esenzioni dell'aggravio tributario costituiva un grande stimolo all'aumento della produzione, perche' più questa aumentava, più diminuiva il peso dell'imposta. Quindi si può realmente dar ragione al Cattaneo, e a tutti quelli che hanno scritto dopo di lui, se danno tanta importanza stimolatrice a questa operazione che parrebbe puramente tecnica, quasi manuale.

Altrettanto buona è stata la rilevazione catastale in Piemonte.
Meno perfetta, invece, nel Mezzogiorno dove il catasto ha conservato un carattere un po' più sommario;
le descrizioni delle terre sono sempre state fatte sulla base delle dichiarazioni dei contribuenti, corrette soltanto dalle commissioni catastali, ma non si è fatta una rilevazione diretta delle terre e una descrizione particolareggiata.

Mello stesso Veneto non si è fatto quello che si era fatto in Lombardia; però, precisamente per questa epoca, si disegnò una grande quantità di mappe, le quali dimostrano che rilevazioni dirette delle terre e della loro distribuzione erano state fatte, e fatte con molta cura.

In Toscana, dove i catasti avevano già raggiunto un certo perfezionamento fino dal XV secolo, si è continuato con gli stessi metodi, mano a mano perfezionati.

L'altro problema, sul quale le discussioni hanno contribuito notevolmente a rinnovare l'ambiente agricolo, è quello del commercio dei grani.

Questa questione del commercio dei grani si ricollega a quello che l'Anzilotti ha chiamato opportunamente il "tramonto della economia cittadina".

Come già si è accennato, si è dato il nome di economia cittadina a quel tipo di organizzazione economica in cui la città costituisce il centro dominatore e regolatore di tutta la vita della campagna circostante, in cui c'è una specie di integrazione fra l'economia della campagna e l'economia della città, ma la campagna, sottoposta alla città, è anche sacrificata ad essa.

Questa economia cittadina trova la sua espressione più spiccata nella politica annonaria, per cui una delle maggiori preoccupazioni degli amministratori cittadini era quella di evitare alla popolazione delle città il pericolo delle carestie ed anche di assicurare un relativo buon mercato dei viveri, specialmente del pane, che permettesse l'attività industriale senza elevare eccessivamente i costi di produzione.

Di questa politica annonaria non era stato sentito molto il danno dalle popolazioni di campagna, specialmente dai proprietari rurali, fintantochè la città era stata un centro di intensa attività economica e si era mantenuta notevolmente popolata, in modo che ne derivava una forte richiesta dei prodotti agricoli, sufficiente ad assicurare al produttore di campagna un mercato redditizio.

Ma dal Quattrocento in poi le città minori, escluse alcune capitali di regione, hanno avuto un lungo periodo di stazionarietà ed anzi, in qualche caso, di vero e proprio decremento demografico.

Basti citare il caso di Ferrara, che nei due secoli e mezzo compresi fra la devoluzione alla Chiesa ed il 1860 è discesa da 33.000 a 22.000 abitanti e ha ricominciato poi a crescere soltanto verso la fine del secolo XIX.
Se il caso di Ferrara è uno dei più spinti, però questa stazionarietà, e spesso anzi la diminuzione della popolazione urbana, è un fenomeno quasi generale in tutti quelli che erano stati Comuni fiorenti e che poi, col costituirsi degli Stati regionali e peggio ancora con la dominazione straniera, avevano visto inaridirsi le fonti della loro attività.

Perciò specialmente quando l'agricoltuta ha una promettente ripresa e quando sul mercato internazionale c'e una maggiore richiesta dei prodotti agricoli, quando i prezzi tendono ad aumentare, è naturale che i grandi e medi proprietari sentano come un danno gravissimo il mantenimento della politica annonaria, la quale obbligava il proprietario di terre, quando avesse provvisto ai bisogni della propria famiglia e dei suoi coloni, a portare tutto l'eccedente in città, agli uffici dell'Annona o dell'Abbondanza o della Grascia, a vender loro tutto quello di cui calcolavano che la città avesse bisogno, sia per le necessità immediate del consumo, sia per misu ra preventiva contro possibili carestie.

Soltanto quello che sopravanzava dopo questi acquisti poteva essere esportato fuori del territorio del Comune.

Poichè tutte queste restrizioni impedivano che i prezzi raggiungessero il livello del mercato internazionale, l'opposizione dei maggiori proprietari di terre e di tutti quelli che si interessavano alle sorti dell'agricoltura si fece sempre più vivace e condusse a poco a poco all'abbandono quasi totale della politicaa annonaria.

Il movimento per la soppressione delle corporazioni artigiane si limitò, come si è detto, a combattere quelle corporazioni, che avevano assunto un carattere monopolistico e decisamente chiuso.
Soltanto in pochissimi Stati italiani si arrivò, alla vigilia della Rivoluzione francese, alla soppressione delle corporazioni.

Così pure la creazione di un unico mercato, con la soppressione delle dogane interne entro i singoli Stati regionali, fu raggiunta soltanto alla vigilia della Rivoluzione e non dappertutto.
Del resto anche ai giorni nostri qualche sopravvivenza delle corporazioni chiuse sussiste per l'esercizio del notariato e delle farmacie.

Il maggiore interessamento per problemi economici in generale e per determinati problemi dell'economia agraria in particolare, che si manifesta a cominciare dalla metà del Settecento, si ripercuote anche negli studi storici.

Se c'è periodo della nostra storia, della nostra storia economica in particolare, che sia stato largamente studiato, è precisamente il periodo della seconda metà del Settecento e, in minor misura, della prima metà dell'Ottocento.

In tutte le regioni d'Italia si sono condotti studi, anche di notevole valore.
Ricorderemo fra i migliori i numerosi ed ottimi volumi del Prato specie sui vari aspetti della storia economica del Piemonte, negli anni che precedono il 1848, frutto di accurate ricerche d'archivio.

Per la Lombardia la strada è stata aperta da Melchiorre Gioia, nel periodo napoleonico, seguito con la sua genialità ed ampiezza di visione da Carlo Cattaneo, che in alcuni saggi mirabili per chiarezza e profondità ha messo in luce, in modo non più superato, i tratti fondamentali dell'econo mia lombarda e le linee del suo sviluppo.

Di studiosi che abbiano completato l'opera di questi precursori con faticose e accurate ricerche di archivio ne citerò soltanto uno, già ricordato a proposito della storia dell'agricoltura nel territorio vercellese: il Pugliese, che ha fatto lunghi studi nell'archivio di Stato di Milano e ha dedicato un otimo lavoro alla economia lombarda in questo periodo.

Numerosi studi sul Settecento milanese, un po' più affrettati ma sempre utili, ha pubblicato il Vianello.
Per il periodo napoleonico l'opera a cui più generalmente si ricorre, quando non si voglia risalire agli scritti dei contemporanei, specialmente del Gioia e del Pecchi, è quella del russo Tarle, vissuto lunghi anni in Francia, sul Regno d'Italia ed il blocco continentale.

Il volume contiene infatti molte notizie e osservazioni interessanti, ma presenta il grave difetto di fondarsi sulle informazioni e specialmente sulle pretese statistiche, che gli intendenti (i nostri prefetti) fornivano direttamente al governo imperiale, ed anche personalmente a Napoleone.

Evidentemente, succedeva allora quello che si lamenta spesso anche oggi, tutte le volte che un'amministrazione centrale chiede di urgenza dei dati statistici alle amministrazioni periferiche. Le amministrazioni periferiche li inventavano.
E li inventavano poi col criterio di fare apparire che, prima che si stabilisse il governo francese, in Italia c'era il deserto.

Del resto anche fra gli storici italiani, che non si fondano sui rapporti degli intendimenti napoleonici, si manifesta spesso una forte diversità di opinioni.
C'è chi rappresenta il periodo napoleonico come un periodo di floridezza per l'Italia, di progressi, e chi lo rappresenta invece come un periodo di grande depressione, in qualche caso di vera e propria decadenza.

E' probabile che l'interpretazione ottimistica si sia formata tenendo l'occhio soltanto a Milano, che, essendo la capitale del Regno italico, il centro dove si rifornivano gli eserciti italiani di Napoleone, da dove parecchi prodotti erano spediti in Francia, ebbe realmente per alcune industrie un periodo di notevole attività e di progresso.

Ma se da Milano passiamo agli altri maggiori centri dell'economia italia na, specialmente se passiamo ai porti maggiori, a Genova, a Venezia, a Livorno, noi vediamo una decadenza veramente spaventosa; le guerre quasi continue, la politica commerciale intesa a favorire le industrie francesi e soprattutto il blocco continentale hanno rovinato completamente questi centri, nei quali qualunque movimento commerciale langue completamente e la maggior parte delle industrie sorte e sviluppate nei decenni precedenti riducono o cessano la loro attivata.

(G. Luzzatto, Per una storia economica d'Italia, Roma-Bari 1974, pp. 172-180).

 

 

Torna ai quaderni